La trilogia della vendetta

image0001.JPG
Una trilogia composta da: Mr.vendetta, Old boy e Lady vendetta.
Park Chan Wook, racconta le vite di tre personaggi, differenti fra loro ma congiunti da un unico sentimento, che li rende immuni per la loro tenacia, ma prigionieri nella loro sofferenza più lacerante.
Nel primo film, viene chiamato in causa un protagonista già disattatato per handicap, che per quanto sia nel giusto, si trasforma in uno spietato carnefice con furia inaudita e phatos senza lacrime, un mondo basato sull’equivoco, sull’ingiustizia e l’assenza di pietà. Come afferma il Mereghetti: si può discutere se certi shock visivi siano giustificati posta anche la diversa cultura di riferimento. Certo, Park sa sempre dove affondare il bisturi e lo spettatore non è mai voyeur, è sempre preso alla sprovvista e chiamato in causa direttamente. Sullo sfondo emerge uno spaccato di una società dove la lotta di classe, regredisce a legge della giungla.
Old boy, gran premio della giuria a Cannes nel 2004, il film che ha rivelato il regista in occidente, il quale, giunto al secondo capolavoro, non perde di vista la spietata e disumana società coreana e tenta di dare un’eco simbolico ed universale al calvario del suo protagonista.
Il regista non cerca soluzioni facili, non ha paura della violenza e della provocazione e richiede allo spettatore un’attenzione vigile per seguire il dipanarsi dell’intreccio.
Per concludere la trilogia della vendetta, la protagonista questa volta è di una bellezza angelica come ulteriore sberleffo a chi si fa ingannare dalle apparenze. Park non salva nessuno, mostra un’umanità che di umano non ha più nulla in modo quasi insostenibile, il terzo capitolo di un libro scevro da redenzione.
Il grande Mereghetti premia il regista con tre stelle tutti i tre capolavori, io, non sono così parca e non sono neanche una critica del cinema, ma è giusto avere delle opinioni proprie; la trilogia merita in assoluto le quattro stelle.
****

Annunci

Una Risposta to “La trilogia della vendetta”

  1. Mi ispira!

    peccato che non ho l’adsl… 😛
    Scherzooooooooooooo

    ma di che provincia sei? (che magari vengo a trovarti, anche se
    non sono un assiduo frequentatore di videoteche…)
    …bhè, magari se ne parlerà in pvt della provincia… 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: