L’amore di Milly

gli_amanti_del_sogno_1968.jpg

Era estate e d’ estate si sa che cambia il clima e a volte non solo quello. Sarà colpa delle giornate che non passano più veloci, dei profumi trascinati dal vento del mare o solo la voglia di riscoprirsi donna ancora una volta. La storia d’amore di Milly non andava proprio come doveva andare e successe nell’afoso Agosto, che lei non trovava più interesse nei confronti del suo compagno, cosa che dopo anni poteva anche accadere, ma non se lo spiegava e anche se non lo dava a vedere si accusava in cuor suo di provare un tale sentimento .
L’amore può anche finire insomma nulla è eterno. Accadde che Milly cominciò a guardarsi intorno e chi mai poteva immaginare ciò che sto per raccontare. Fu grazie ad un’amica, che Milly ebbe il piacere di conoscere Merdok. Lui era gentile e misterioso, si fece camminare giono dopo giorno e senza che i due lo sapessero, si ritrovarono a condividere qualcosa di più di una semplice infatuazione, almeno per lei dico. Milly cominciò a denudarsi al mondo, lui le aveva preso la testa, trascorrevano notti a parlare e a condividere quel poco che la lontananza gli aveva lasciato. Arrivò Settembre e Milly prese la grande decisione, il suo compagno soffrì e lei come una ladra le aveva portato via tre quarti di cuore, ma la passione per Merdok la bruciava giorno per giorno e senza remore abbandonò il malcapitato alle sue pene d’amor perduto. Una convivenza che durava da tre lunghi anni, quelle dove non esistono verità nascoste, dove si è una mela intera perchè ci si è trovati a metà, e per essere felici bisognava unirle, la teoria di Platone per farla breve. Dio solo sa quanto lui l’amava, si unirono in un lontano ventisette febbraio, i due si erano promessi amore eterno, ma si sa che le cose belle bruciano in un lampo. Forse era proprio colpa di Milly e questo suo vivere troppo le persone che la faceva infuocare all’improvviso e la spegneva con un soffio. Se solo avesse saputo che cosa il destino le stesse riservando, probabilmente non si sarebbe mai spinta oltre, ma l’amore si sa è fatto di sfumature e non basta solo l’esperienza per capire se gli occhi che si usano sono quelli giusti. Merdok era per lei un nuovo mondo da esplorare, un mondo che l’attraeva come succede ai poli. Finalmente la lontananza si fece da parte e i due riuscirono ad annusare i loro corpi, ma la realtà quando ci si mette è proprio bastarda. Milly capì presto che Merdok l’avrebbe calpestata come si fa ad un prato e lei ormai svestita di quella maschera non avrebbe potuto più tornare sui suoi passi. Passò del tempo e Milly cominciava a capire, ma s’ingannava nel suo dicendosi che Merdok le avrebbe insegnato molto, o almeno sperava che lui non la svuotasse del tutto della sua essenza. Oltre alla realtà, anche l’amore quando ci si mette non scherza, si vide strappare via i pezzi di ciò che gli anni le avevano insegnato sull’amore come si fa con i petali delle margherite, non c’erano mezze mele, ma mele intere per imparare ad amare, non c’erano dipendenze ma spazi vitali troppo ampi per condividere un amore, per non parlare di proprietà, nessuno è di nessuno, il semplice ‘sei mia’ e tu ‘sei mio’ erano parole troppo banali per Merdok. Purtroppo due modi diversi di amare non vanno mai per mano, ognuno va dove meglio gli conviene e Milly lo faceva, ma per mano non c’era più nessuno. L’inverno arrivò e Merdok cominciò ad avere strani pensieri, si accorse di non amare Milly, ma non glielo disse mai con convinzione. Milly lo aveva già capito da tempo, al suo ‘ti amo’ non v’era risposta e al suo ‘mi manchi’ niente di davvero sentito. Milly non era forte come tutti pensavano, le sue debolezze le si sfogavano addosso. S’interrogò spesso dei suoi malesseri e prese coscienza un giorno di voler migliorarsi, tanto per dimostrare a se stessa, almeno una volta quanto valesse e funzionò, divenne bella come un cigno e riuscì ad intravedere il suo cammino. Ovviamente Merdok aveva fatto altrettanto nel tempo. Milly si riscoprì sola ancora una volta, senza più niente per cui lottare ed una felicità tanto sperata ormai troppo lontana. Ci vuole del coraggio per fare ciò che fece. Milly aveva imparato dal migliore, usava gli altri per sentirsi viva, proprio come aveva fatto Merdok. Milly ora è felice ha ritrovato l’amore. Se penso a Merdok, una frase mi torna alla memoria:
‘Il mondo si sa per tre quarti è di mare e c’è chi fa il morto per non annegare’.

Milly e Merdok esistono, ma quelli non sono i loro nomi ovviamente…

Annunci

25 Risposte to “L’amore di Milly”

  1. Mimmo, riprese una grande adagio indiano, secondo cui, nel piccolo mare della nostra vita, i fortunati vanno su navi lussuose, i più nuotano, … qualcuno annega!

    Mia piccola satanica commessa (almeno, a dire dalle foto), come vorrei leggere in fondo al tuo dolce cuore, come vorrei scolpire sogni nel profondo dei tuoi occhi, come vorrei assaggiare dalla coppa dei tuoi desideri insonni …

    Clopin (il tuo principe di passaggio)

  2. Daniele Medri Says:

    Ah.. Merdok! Quello dell’A-team. No eh?!

  3. Merdok parecchio merdak era eh!!?

    buon inizio settimana!
    un bacio.

  4. sti due mi sembra di conoscerli, forse li conosciamo tutti una Milly e un merd-ok 🙂

  5. Già, pure a me sembra di conoscerli, questo racconto poi cade a fagiolo in un momento in cui mi interrogo più del solito. Stavolta ho deciso che non voglio più fuggire, ma non è facile, vivere in 2 è la cosa più complicata del mondo. Anche se lui, per fortuna, non è un merd-ok 🙂

  6. desmondtutu Says:

    “L’amore può anche finire insomma nulla è eterno.”
    L’importante è ammetterlo a se stessi per non ferire e non ferirsi… un passo avanti e si ricomincia con le spalle un po’ più larghe dai! 😉

  7. Bella, bella, bella! Complimenti!
    Un buon inizio settimana! 🙂

  8. non direi che il tipo sia merdak: ma solamente un tipo diverso che ama in modo diverso che aveva bisogno di una donna diversa, ed entrambi di questa esperienza: diversa per ognuno…..
    sentimenti !
    la dannazione del genere umano !

  9. Buon inizi di settimana Kiara…sei unica….
    a presto…paparazza

  10. kammykaze Says:

    E’ proprio vero che lasciare la strada vecchia per la nuova certe volte è troppo pericoloso!
    Buon inizio settimana!
    un salutone!

  11. io ho capito che milly sapeva già come finiva la storia ma ha voluto batterci di naso.
    forse voleva viverla lo stesso. e a volte l’entusiasmo ti fa credere delle cose.
    tipo che non tutti gli uomini sono dei merdok o delle mezze mele.
    a volte siamo solo mezze seghe.

    lo so, è un pò che non passo, ma ho fatto una cazzata: ho installato sky.
    cazzo, aiuto, spaccatemi la parabola!

  12. Certo che quando ti lasci andare alla tua vena creativa, non hai niente da invidiare alle scrittrici più affermate… 😉
    clap clap clap, davvero!

    Un abbraccio tuttod’unfiato 🙂

  13. Clopin- Ed io m’inchino innanzi a co tanta bellezza..E’ sempre un piacere lasciarsi commentare da te Principe Clopin, un bacio.
    Daniele- Merda Doc = Merdok, simpatico vero? Un abbraccio.
    Ross- Quello era il fine infatti, ah le donne che intuito! Baci Ross.
    Brì- Mi ripeto, inutile dirlo, le donne sono connesse fra loro… baci Brì.
    July- Sono felice per te e poi non ti preoccupare, interrogarsi su tali argomenti è un bell’allenamento ed è giusto che ci sia, guarda che fine ha fatto Milly, che s’interrogò ben poco nei mesi che furono. Mille baci.
    Desdu- Fa male sapere di non essere ricambiati allo stesso modo, ma il bello è proprio venirne a conoscienza e quanto aiuta quando ci ripensi, quasi vorresti non averlo mai conosciuto quel merdok, ma non per odio, ma perchè non v’è più alcun sentimento, solo l’indifferenza rimane e così sia. Baci.
    Duss- sono felice che ti sia piaciuta, un abbraccio.
    Tolly- Milly è stata ingannata da quest’uomo, non si sta insieme ad una persona per imparare ad amarla, o la ami o non la ami, non ci sono ne ma ne forse…Uno specchio per le allodole insomma, il giusto nome per un uomo che non sa riconoscere i propri sentimenti e illude il prossimo e se stesso è Merdok. Un abbraccio.
    Paparazza- e meno male, pensa se esistesse un’altra stracciamaroni come me… un bacio.
    Kammy- saggezza, saggezza…Quanto hai ragione! Un abbraccio.
    Merisi- Sono onorata, ma quanto tempo carissimo…
    Stasera vengo a trovarti con l’amico crick, poi sono cazzi tuoi, comunque credo che tu conosca anche la nostra Milly caro merisi, la si nota da come cammina, chè ancora le frizza, e in giro si sa che ha investito un capitale in vasellina. Baci a te a Prole e a Compagna.

  14. Alby- Grazie Alby, pensa che una persona a me stata cara diceva che scrivo da cane e lo diceva di tanti altri bloggers, ma a quella persona piaceva tanto la cattedra, chè era una delle poche cose che poteva permettirsi, non sempre però…
    Alby ti abbraccio forte.

  15. Magari al prossimo giro Milly sarà il Merdok di qualcun altro e viceversa. Succede

  16. Chi è sta persona a te stata cara? Portacela che la corcamo de botte! Come si permette??? 😦

  17. La Guressa Says:

    ha ragione quel volpone saggio di un Oscar, c’est la vie…

  18. Hola, buon giorno! 🙂

  19. questa storia lascia spazio ad un’infinità di proverbi sul tema; sulla strada vecchia per la nuova e viceversa. il nome merdok, comunque già dalle prime righe, prometteva poco di buono!

  20. mancavo da un pò eh???

    un abbraccio

  21. Oscar- E ‘ una ruota che gira, condordo. Baci.
    Brì- Ci passo su, tanto il suo giudizio non ha più alcuna importanza ormai, cmq ti tengo presente per la prossima volta, baci Brì.
    Guressa- Le affinità elettive eh! Baci Gù.
    Duss- Ma buongiorno a te, Duss, un abbraccio.
    El Nigno- Carino il nome eh?
    Krepa- Sì effettivamente, non passavi da un po’, un abbraccio.

  22. Ciao Kiaruccia, in pratica questa tipa ha preso i pali da tutte e due i lati, ma io credo che se una donna non’è sicura di amare veramente, vuol dire o che non sta bene prima con se stessa, oppure che l’amore s’è veramente spento, se come Milly cerca nuove emozioni, ma forse mi sbaglio. Inoltre parlando di un essere come Murdok, mi faccio sempre una domanda alla quale già mi sono risposto; come mai gli uomini ma non tutti si lasciano scappare delle creature meravigliose come le donne? (premesso che come ci sono uomini e uomini così anche ci sono donne e donne). E poi amare una donna è la cosa più bella che ci sia, sentire vicino a noi (maschietti) un cuore che batte che ci riscalda e che ci ama, al contrario per le donne le quali cercano un uomo che gli dia sicurezza, forza, passione, amore ma soprattutto che sia intelligente e che sappia cosa significhi “DIALOGO”, insomma qualcuno sul quale contare nel momento del bisogno e, quando c’è bisogno di un punto di riferimento.
    Poeta

  23. Ma soprattutto che tutte e due le parti siano libere di essere…

  24. Scusa Kiaruccia, ti mando un bacione ed n abbraccio forti, forti….

  25. Poeta- Non c’è che dire, la donna che ti prenderà si potrà reputare davvero fortunata, sei troppo bello per essere vero, e io lo so qunato lo sei.
    Mille baci amico mio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: