Meglio bruciare in un attimo, che spegnersi lentamente..

 

Un bel paio di palle mi vien da dire, ma che detto è, ma che tristezza è questa frase qua, mah.. Che uno poi ci pensa quando va in pausasigaretta e se la ripete questa frase qua, se la ripete lentamente per capirne bene il significato. Comunque io non sono d’accordo o daccordo, ma come si scriverà, vabbè, io non voglio scegliere nessuna delle due opzioni, vorrei esser fatta d’acqua ecco.

E poi che gente che c’è in giro, e proprio questa gente ti spara queste massime così, così sì, che non te le aspetti e che in un attimo ti senti a ‘uomini e donne‘, dove sapere l’italiano diventa hobby ma la ‘french‘ non manca mai.

Erano le otto, era ora di andare a casa, stavo chiudendo e l’ho vista, non me la sono sentita di fare quella distratta, allora l’ho salutata e le ho chiesto come stava. Non l’avessi mai fatto. Perchè l’ho fatto mi ripetevo a denti stretti e con le guance tirate. Eccola che comincia a parlare delle feste, del suo ultimo viaggio, dell’amico di suo fratello che le fa la corte, ma che il cugino del fratello dell’amico è più carino, e che è davvero strano che il cugino del marito del fratello della cugina si sia sposato proprio con quella che lavorava nel negozio della zia della sua amica…

Una tritacoglioni. Prolissa. Logorroica. E dopo questa serie di constatazioni comincio a pensare a cosa fare quando sarò a casa, se prima cenare o farmi la doccia. Tanto lei mica se ne accorge che non la sto ascoltando. Vada per la doccia allora mi dico fra me e me, e poi penso che se mi faccio la doccia prima voglio cambiare la tendina, l’ho comprata dai cinesi, cinque euro, sembra di raso, è di raso rosa con le righe in rilievo. L’ho comprata nuova perchè il rosa in un bagno rosa ci sta bene, fa un po’ bomboniera ma non è male, anzi, a dire il vero mi ero stufata dell’altra, volevo finalmente farmi una doccia senza necessariamente sentirmi al carnevale di Rio. E mentre penso annuisco anche, e lei continua a non accorgersi.

Finalmente Vale che chiama, che il cielo l’abbia in gloria, pure il cellulare mi sta simpatico in questo momento, allora le faccio un cenno, la blocco e mi scuso. Lei mi dice che non mi devo preoccupare, che lei aspetta. Azzzzz..

Venti minuti dopo. Mi lascia andare via con una di quelle frasi sue piene di saggezza.

‘chi è a metà dell’opera è già un bel lavoro, che noi avremo stati bene insieme, e che tanto tutti i nodi vengono al petto, che io l’avevo amato sul serio mica come dice sua sorella, e che in amore è meglio bruciarsi in un attimo che spegnersi lentamente.’

ecco, ora la prossima volta ‘lo esco fuori anch’io il rospo’ e le dico che se pianta le fave senza concime le raccoglie senza bacello.. ochei?

Ah dimenticavo, non comprate il nuovo Colgate MaxFresh, è un pacco quel dentifricio!

Annunci

16 Risposte to “Meglio bruciare in un attimo, che spegnersi lentamente..”

  1. hai detto bene, una perfetta “tritacoglioni”

  2. PRIMOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO…
    😛

    Il pelo l’ho perso, ma il vizio ancora no! 😉

    Così, solo per cominciare anche io con una massima di saggezza.
    Perché chi ben comincia e ametà dell’opera, anche se una rondine non fa primavera e nella botte piccola c’è il vino buono… 😆

    Ok, ok…
    La smetto.

    Quando ero a Liceo, un compagno di classe mi triturava (scusa se ti rubo il copyright – ndr) con il motto rock: “Live fast, die young” perché aveva paura della vecchiaia.
    E, a dire il vero, anche io. 🙄

    Però non è male neanche cambiare ed evolversi, perché ti aiuta a capire la tua natura e i tuoi valori: mio padre, che come sai è malato di Alzheimer, ormai è ridotto a essenzialità pura; ed è bello toccare con mano l’essenzialità di chi ti ha dato la vita…

    Mi piace che stiano emergendo le sue qualità primarie, mi piace che sia sorridente quando mi vede anche se non si ricorda come mi chiamo, mi piace che sia nervoso con gli uomini e rilassato con le donne, mi piace che abbassi lo sguardo quando non ricorda anziché arrabbiarsi (come spesso succede in questa malattia – ndr): tutto atavico, tutto primordiale, tutto vero… …Le risposte sono in questa essenza spicciola, senza sovrastrutture protettive, che c’impediscono di capire chi è la persona che ci parla e, talvolta, chi siamo noi.

    No, io queste risposte non voglio perdermele.
    Spero solo che ci sarà qualcuna accanto a me ad accarezzarmi dolcemente, quando io non sarò più capace di capire le risposte che sto offrendo. 😉

    Un abbraccio anziano 🙂

  3. Ops!
    Non avevo visto Enrico… 🙄

    Un abbraccio secondoooooooooo… 🙂

  4. Hola kiara a me di queste situazioni capitano quasi sempre perchè da queste parti nun se po sopportà nessuno, allora mi concentro sul carnevale di Rio e la musica, ma nello stesso tempo ascolto e magari do qualche buon consiglio. Infatti quando mi son stufato di sentire prendo la mira e sparo diretto e diplomatico così mi levo di torno la o le persone.

  5. tritacoglioni rende molto bene l’idea! 😛

  6. Che bella la tendina rosa della doccia, chissà come viene bene la scena di Psycho

  7. Madonna santa!Ma come hai fatto a resistere?
    Sono quei classici momenti in cui ti metti a contare anche i decimillesimi di secondo pregando di scappare….

    Ciao!

    Riccardo

  8. io non l’avrei mai detto, ché mi sembra una roba da fintoricco, epperò io lo spazzolino elettrico, non posso più vivere senza.

    poi sul nuovo template, eh. bon, ci siam capiti.

  9. ahahahhahahaah
    giuro me fai morì
    troppo divertente sta cosa
    e scopro in te una buona dose di diplomazia hihihihi
    io l’avrei mollata lì dopo tre secondi netti
    di tritamaroni
    me basta mia madre
    che ogni volta che viene a trovare i nipoti, quando se ne va, sembro una sopravvissuta a Katrina

  10. Io in queste occasioni faccio sempre finta che mi vibri il cellulare. Chiaro, a meno che non abbia qualcosa di importante a cui pensare mentre l’interlocutore mi straccia i maroni. 🙂

  11. …ma la vita è un sogno o i sogni aiutanoa vivere?

    omunque nonhai detto solo cagate…il tuo desiderio di essere fatta di sola acqua è già realizzato al 70%…

    MoF

  12. Hmh…anche io mi ci trovo sempre invischiata in queste situazioni…l’ultima volta una compagna (no, non ci riesco a dire collega…) di università mi ha tenuta un’ora incollata al telefono per stracciarmi i maroni con i suoi dubbi esistenziali mentre io avevo un esame il giorno dopo…non sapevo che fare.
    Una volta, sempre al telefono, ho attaccato di punto in bianco facendo finta che fosse caduta la linea…e fortunatamente non mi hanno più richiamato! Quando ci vuole..

  13. Kiara ti ho fatto un regalo passa sul mio blog!!!

  14. tritamaroni d’una!!

    la tendina rosa di raso..ma come fa ad essere impermeabile? 🙂

  15. E il classico colpo netto e teso sulla sua fronte? … giustificato poi dal fatto che una tegola l’ha colpita? (copyright Aldo Giovanni e Giacomo) 😀

  16. é la prima volta che capito qui, ma mi sono veramente divertio, mi affaccerò spesso.. perchè meglius abbundare quando fa caldo perchè si beve molto ma se chiudi la finestra non c’è aria.. d’alrtonde o daltronde chissà come si scrive la classe non si sciacqua.. ha! dimenticavo il collutorio listering brucia sulle guance ma non serve a un cazzo..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: