Archivio per gennaio, 2009

La mangiatoia

Posted in Globo terracqueo, Musica on 31 gennaio 2009 by nonsonounacommessa

Play

Tempo fa mi comprai una mangiatoia per uccelli. L’ appesi nel mio portico e la riempii di semi. Era proprio una bella mangiatoia ed era uno spettacolo vedere gli uccellini da vicino. Entro una settimana c’erano almeno un centinaio di uccelli che approfittavano del costante rifornimento di cibo gratuito, ottenibile senza fatica alcuna. Poi gli uccelli cominciarono a fare i loro nidi, sotto il portico, sulla tenda, vicino al barbecue, persino sul tavolino.

Poi arrivò la merda.

Era ovunque,  sulle tegole del portico, sulle sedie, sul tavolo da pranzo, insomma ovunque. Poi alcuni uccelli iniziarono ad essere cattivi, si lanciavano su di me e cercavano di beccarmi anche se ero io che li nutrivo pagando di tasca mia. Altri erano rumorosi e prepotenti,  si appollaiavano sulla mangiatoia e fischiavano e pigolavano a tutte le ore del giorno e della notte affinché io riempissi la mangiatoia,  se il cibo scarseggiava. Dopo un po’ non riuscivo nemmeno più a sedermi nel mio portico,  così decisi di togliere la bella mangiatoia, e in tre giorni gli uccelli se ne andarono.  Feci pulizia e misi tutto in ordine facendo sparire anche i nidi da tutto il portico e ben presto il mio portico tornò ad essere quello che era prima, un posto tranquillo e sereno senza schiamazzi per reclamare il diritto al cibo gratis.

Ora  riflettiamo.

Noi abbiamo ottenuto con il nostro lavoro ed i nostri sacrifici un sistema con molti diritti, cure mediche gratuite, scuole gratuite, assegni per i meno abbienti, case popolari a prezzi bassissimi e permettiamo a chiunque nasce qui di essere automaticamente cittadino del nostro Paese. Poi sono arrivati gli illegali a decine, centinaia di migliaia che godono degli stessi vantaggi. Per pagare le maggiori spese noi dobbiamo pagare più tasse, le case popolari vengono occupate con la forza e nessuno ne paga il canone. Se andate ad un pronto soccorso dovrete aspettare ore per essere visitato, poiché gli ospedali sono diventati un rifugio per extracomunitari. Vostro figlio alle elementari avrà grossi problemi perché metà della classe non parla Italiano e la mensa scolastica verrà condizionata da assurdi divieti religiosi. Vengono tolti i Crocefissi e non si celebrerà il Natale per non urtare la sensibilità degli stranieri, senza alcun rispetto per la nostra, quella dei padroni di casa.
La criminalità spicciola, quella che se la prende con la gente comune (noi) è al 75% opera del 10% della popolazione (gli stranieri), e le carceri sono così piene che i delinquenti vengono rimessi in circolazione e subito ricominciano a rubare e a violentare. Se si cerca di arginare il fenomeno ecco levarsi la protesta di molti imbecilli che gridano alla violazione dei diritti civili, degli altri però,  perché dei nostri diritti gli stessi imbecilli se ne fregano.
E’ solo la mia opinione o forse è giunto il momento per il nostro Governo di togliere la mangiatoia e fare un po’ di pulizia.
Se siete d’accordo, fate girare, se non lo siete, CONTINUATE PURE A PULIRE LA MERDA!

Questa è una mail.


Muccino.. tu si che..

Posted in Film fuori concorso on 21 gennaio 2009 by nonsonounacommessa

E dopo la ricerca della felicità..

b0d4b60a50adf5a90b87b845c5d8c84a1preparate i fazzolettini.. ancora una volta.

225431

Per me, Muccino, da quando ha conosciuto Will, ha scoperto l’America!

Imperdibile.


Non pensarci

Posted in Film fuori concorso on 19 gennaio 2009 by nonsonounacommessa

locandina-non-pensarci1

Trama

Stefano Nardini suona da quando aveva cinque anni e passo dopo passo ecco che dal conservatorio è finito col diventare una piccola star del punk rock indipendente. Ma i tempi delle sue foto in copertina sono passati e adesso a trentasei anni si guarda intorno: suona con dei ventenni invasati, a casa non ha più né fidanzata né letto dove dormire, gli è rimasta giusto una chitarra e un’auto con le portiere che non si aprono… Insomma è venuto il momento anche per lui di cercare un riparo, tornare dalla famiglia che non vede da tempo, riflettere.

Il precariato, la crisi, i rapporti familiari, la sfiducia nella gente.. insomma Valerio, tu si che sai rendere bene l’idea. Grande film, grazie Gianni.

Sei di Sarzana se..

Posted in Video on 11 gennaio 2009 by nonsonounacommessa

Grazie Erman!

Psicanalisi

Posted in Diario on 9 gennaio 2009 by nonsonounacommessa

imgp2284Mi sono alzata con strani tarli per la testa. Immaginavo di abbracciare un albero e sentire nella pelle quel contatto tra cielo e terra. Forse ho fatto bene a tergiversare sullo scaldotto lo scorso pomeriggio. Io non so.. ma mi fa paura lo scaldotto, sarà a causa di quelle strane leggende metropolitane di gente carbonizzata e di materassi infuocati. Certo è vero che lo sbattimento c’è tutte le sere a riempire le borse dell’acqua calda, però bo, magari poi non è proprio uno sbattimento così pesante. Poi magari è solo un ciurlare nel manico il mio, chè lo scaldotto lo puoi levare una volta che il materasso si è scaldato, e vuoi mettere avere ogni centimetro del materasso caldo, invece di avere i peli intirizzi e cercare il caldo a chiazze.. Che poi io sono una che sul pane il companatico ce lo vuole bello steso sulla superficie, angoli compresi, allora non capisco questa mia presa di posizione. Cose strane queste. Forse ora che ho reso pubblica questa mia fobia da scaldotto smetto di ciurlare nel manico. Ci sono i saldi, probabilmente se il commerciante non m’incula lo pago anche la metà. Mo’ vedo.

Con questa giornata..

Posted in Video on 7 gennaio 2009 by nonsonounacommessa

Un video tanto tanto dolce…

Un video decisamente tanto tanto dolce..

Buona giornata e buona neve a chi ce l’ha.. uff..

I have a dream

Posted in Diario on 2 gennaio 2009 by nonsonounacommessa

mondo_salvadanaioCi sono persone che rincorrono un sogno per tutta la vita, e ci sono persone che invece non lo rincorrono solamente, ma lo coltivano sul serio il loro sogno, altrochè. Il mio amico Jonie è per me il più delle volte fonte d’ispirazione, lui,  il suo sogno è vedere il mondo,  e siccome non è che ha la fortuna del mantenuto, spesso si arrabatta. Ha l’arte dell’arrabattarsi si,  ce l’ha insita nel codice genetico. Allora ieri sera si parlava di viaggi futuri, di mete ganze e di cifre, si discuteva sul fatto che tutti si cerca di sopravvivere economicamente e in tempi magri sempre di cifre poi alla fine si parla. L’entusiasmo altrui ancora riesce a rassicurarmi, e io il Jonie lo ascolto, chè lui alla fine di ogni discorso ti da un consiglio. Arrabattarsi non è mica da tutti, trovare sempre un escamotage non è mica roba facile, ma lui io non so come faccia, perchè la roba che promuove poi è il primo a metterla in atto, quindi lui parla per esperienza ecco. Adesso non è che lui ha una grande esperienza perchè ha solo ventisei anni, però questa che ha detto ieri sera del salvadanaio,  io la trovo una roba pazzesca. Jonie infatti il salvadanaio lo usa per poi poter fare un viaggio, e ci mette dell’impegno tutti i giorni. Per esempio, se deve comprare le sigarette, e un pacco non gli basta e ne compra due, lui paga con cinque euro prima un pacchetto e con altre cinque euro l’altro. Insomma, gode nel raccimolare i resti di metallo, e pensa al suo sogno due o tre volte al giorno. Senza contare che se l’eurino non ce l’ hai in tasca perchè lo  metti nel salvadanaio, dell’estathè alle sei del pomeriggio ne puoi fare anche a meno, èd è anche una forma di risparmio e di riduzione dei consumi superflui. Addirittura cinquecento euro l’ultima volta ha messo da parte in pochi mesi, e a queste cose ci si rimane di sasso. A volte penso a lui come ad un Luther King del paese del marmo,  perchè lui ha un sogno e ci lavora su con dedizione, se poi ci aggiungi  l’arte dell’arrabattarsi è cosa fatta, chè lui in vacanza decide di andarci quando il salvadanaio è quasi pieno, e la caccia allo spicciolo è quasi un incentivo, una motivazione in più che ti aiuta a realizzare il tuo sogno in modo costante ed ingegnoso, senza dover stringere la cinghia all’ultimo, e  far vita ascetica per andare in vacanza. Una vera e propria ragion di vita mi vien da pensare. E bravo il Jonie e i suoi giovani consigli pieni di entusiasmo, proprio questo ci vuole oggi, buon senso, economia e sogni, sogni in quantità industriale, chè con tutto questo umano grigiore, io il Jonie, lo dico sempre che se non ci fosse bisognerebbe inventarlo.

Ah dimenticavo.. il salvadanaio, rigorosamente di quelli che si devono spaccare, se no non c’è storia.